Luogo suggestivo. St. Magdalena nella Halltal

Questo luogo molto speciale nella valle Halltal, nel mezzo del Parco Naturale del Karwendel, non è stato scelto come uno dei nostri luoghi di potere per niente. Per raggiungere questo luogo di potere, bisogna prima avventurarsi in una valle aspra e impressionante. Il percorso nella Halltal rivela molti confini. È ancora più gratificante arrivare a destinazione dopo circa due ore: La cappella di Santa Maddalena, un ex monastero, è stata costruita in un luogo meraviglioso, un'ampia radura nella foresta.

Già in tempi remoti si conosceva l'effetto speciale di alcuni luoghi. Non guasta il fatto che proprio accanto alla cappella si trovi una tradizionale locanda di montagna. Quindi mente, anima e corpo sono ben soddisfatti.
L'ex strada a pedaggio è chiusa ai veicoli a motore dal 2012: oggi escursionisti e camosci si godono la valle Halltal senza auto. Per chi non può o non vuole prendere la scorciatoia in auto, è disponibile un servizio taxi.

Il luogo di potere di Santa Maddalena in sintesi

  • Scoprite la storia del sale sul sentiero escursionistico della salamoia
  • Pensione di Santa Maddalena con piccola chiesa
  • La più grande area protetta dell'Austria: il Parco Naturale del Karwendel
  • Servizio navetta per St. Magdalena nei fine settimana estivi
  • Una valle romantica e selvaggia con una flora e una fauna impressionanti

La storia di Santa Maddalena

Storia delle origini di Santa Maddalena in Halltal
Il primo monastero e la cappella in onore di San Ruperto furono fondati nel 1441. Tuttavia, i "Fratelli della foresta", come veniva chiamata questa organizzazione monastica, rimasero a Halltal solo fino al 1447. Nel 1448, due suore della foresta, che vivevano secondo le regole dell'ordine agostiniano, si trasferirono nel monastero di Halltal. Così, nonostante il clima rigido, il convento fiorì alla fine del XV secolo. Nei primi anni Ottanta del XV secolo iniziarono i lavori per la costruzione di un nuovo edificio. Nel 1494, il convento ospitava 24 suore e un cappellano. Nel 1495, il futuro imperatore Massimiliano I rilasciò al convento una speciale lettera di protezione.

Complesso conventuale con chiesa ed edifici agricoli
L'esterno della chiesa è privo di struttura e di torre. Il coro e la navata hanno la stessa larghezza. All'interno, la volta ha costoloni a stella con chiavi di volta rotonde su mensole ottagonali. Il dipinto della volta nel coro riporta l'anno 1486, che è probabilmente l'anno di completamento dell'edificio. Il motivo per cui il luogo è chiamato Santa Maddalena è probabilmente perché nel 1490 il giorno della consacrazione della chiesa fu spostato dal principe vescovo di Bressanone al giorno di Santa Maria Maddalena. Il motivo dello spostamento del giorno della consacrazione della chiesa potrebbe essere che Maddalena, figlia di un ricco cittadino di Hall (Georg Perl), era entrata nel convento nel 1486. Georg Perl donava ogni anno 20 marchi bernesi affinché la figlia vedova potesse vivere nel convento insieme alla nipote, anch'essa Magdalena. Un altro motivo è probabilmente il fatto che Santa Maddalena (insieme a San Ruperto, San Nicola e Santa Barbara) è uno dei più importanti santi di montagna.

Le suore si allontanarono gradualmente dal convento (alcune di loro si trasferirono a San Martino a Gnadenwald) e così, nel 1566, il convento fu completamente sciolto. Il convento cadde rapidamente in rovina e solo la chiesa fu conservata dalla salina di Hall. L'ex edificio del monastero ospita oggi una locanda per escursioni. L'antica cantina in mattoni del monastero, che serviva come rifugio dalle valanghe e come luogo di conservazione del cibo, esiste ancora. La chiesa è ancora oggi in buone condizioni. È stata restaurata nel 1946, 500 anni dopo la sua prima consacrazione. Ogni anno la festa patronale viene celebrata la domenica più vicina al giorno di Santa Maddalena (22 luglio).

L'ex complesso monastico di Santa Maddalena comprendeva anche l'edificio agricolo a sud della chiesa. Nel 2004/2005, l'edificio (costruzione mista con tetto a capanna) è stato salvato dal degrado attraverso una ristrutturazione generale. La struttura in legno dell'aia e la sala della stalla con volta a botte sono ora utilizzate per eventi.

L'altare a battenti nella cappella del cimitero di Hall
L'altare alato tardogotico della seconda metà del XV secolo si trovava originariamente nella chiesa del monastero di Santa Maddalena a Halltal e fu trasferito nella cappella della Maddalena di Hall nel 1923. Probabilmente proviene dalla bottega di Innsbruck del pittore Ludwig Konraiter. Nell'edicola, Santa Margherita (a sinistra) e Santa Caterina (a destra) affiancano la figura centrale della Madonna. Le ali laterali raffigurano un ciclo della Vergine (Annunciazione, Visitazione, Adorazione del Bambino da parte dei Magi e Morte della Vergine). L'edicola della predella raffigura la Natività, le ali della predella Santa Barbara e Sant'Agnese. Margarethe, Katharina e Barbara sono popolarmente conosciute come le tre "Sante fanciulle tirolesi". In base ai loro attributi, sono accompagnate dal seguente proverbio: Barbara con la torre, Margarethe con il verme, Katharina con la ruota, queste sono le tre sante fanciulle.

L'estrazione del sale nei dintorni di Sankt Magdalena, nella valle di Halltal

La fondazione di Santa Maddalena è strettamente legata all'estrazione del sale.
Diverse leggende fanno risalire la scoperta dei giacimenti di sale nella valle Halltal al XIII secolo. Una di queste narra che nel XIII secolo (1275) il cavaliere Nikolaus von Rohrbach stava viaggiando nella valle di Halltal e iniziò una conversazione con i suoi cacciatori. Questi gli raccontarono di aver osservato dei cervi rossi che leccavano avidamente una pietra. Dato che i cervi stavano prosperando così bene - quasi come se stessero prendendo delle pietre di sale - doveva esserci qualcosa di speciale in quella roccia. Nikolaus von Rohrbach la controllò e si rese conto che la pietra aveva effettivamente un sapore salato. Questa fu la nascita dell'estrazione del sale a Hall, per così dire. Il primo tunnel fu aperto nel 1272. All'inizio il sale veniva fatto bollire direttamente in cima alla montagna, solo in seguito la salamoia fu trasportata a valle per mezzo di tubi per la salamoia (tronchi d'albero scavati, dal 1903 tubi di ghisa) e lì fatta bollire nei birrifici sul sito della salina.

L'escursione fino a Sankt Magdalena racconta questa impressionante storia del sale. Pochi passi dopo l'inizio della strada asfaltata, vedrete la Cappella Berger sulla destra. I minatori e le minatrici erano chiamati in vernacolo "Berger". All'interno della cappella si trovano tre dipinti della fine del XVII secolo. La freyung dei minatori iniziava nella cappella Berger. Ciò significa che né il giudice distrettuale di Thaur né il giudice comunale di Hall potevano arrestare un minatore all'interno di questo recinto. Anche se era accusato di un reato grave. Il diritto di arresto era riservato solo al Salzmair (gestione delle saline e delle miniere). Sebbene questa libertà esista dal XIV secolo, è stata messa per iscritto dall'imperatore Massimiliano I solo nel 1502.

Ladhütten, vie di fuga e case padronali
Lungo la strada che attraversa la valle Halltal scopriamo un totale di tre capanne di carico. Servivano ai minatori come fermate per i carri, ripari e luoghi di riposo.
Poco dopo la cappella di montagna, la via di fuga si dirama a sinistra. I minatori la utilizzavano per raggiungere in sicurezza il posto di lavoro o per tornare a valle in caso di valanga. Valanghe e smottamenti hanno sempre rappresentato una grande minaccia per questa zona e ancora oggi spesso bloccano l'accesso a Sankt Magdalena. Spesso i minatori potevano solo sperare nell'aiuto divino. Vennero celebrate numerose messe e organizzate petizioni.
Le cosiddette case padronali sono una straordinaria testimonianza dell'antica industria mineraria della valle di Halltal. Si trovano alla testata della valle e sono state il centro di 700 anni di estrazione del sale a Hall. Le case padronali nella loro forma attuale sono state costruite tra il 1777 e il 1791. Servivano come edifici amministrativi della miniera di sale e fornivano alloggio ai minatori. Purtroppo, nel 2001 una valanga ha distrutto gran parte delle case padronali.

Le gallerie nella valle di Halltal
Nel corso dei secoli sono state costruite in totale otto gallerie su più livelli. Il Kronprinz-Ferdinand Stollen (1334 m) o Glück-Auf-Stollen è stato scavato nel 1808 ed è il più giovane. L'Erzherzogsbergstollen (1422 m) risale all'arciduca Ferdinando Carlo (morto nel 1662). Il Kaiserbergstollen (1485 m) si trova sotto le case padronali. Fu inaugurato dall'imperatore Ferdinando I nel 1563. Il König-Max-Stollen (1485 m) si trovava al centro dei siti minerari sopra l'Herrenhäuser e fu inaugurato nel 1492 dall'imperatore Massimiliano (allora ancora re, da cui il nome!). Da qualche tempo è possibile dare nuovamente un'occhiata all'interno di questa galleria. Lo Steinbergstollen (1533 m), appena sopra l'Herrenhäuser, fu aperto probabilmente intorno al 1400. La fucina della miniera si trovava accanto al rifugio della galleria e ad un edificio residenziale ad ovest di esso. Il Mitterbergstollen (1574 m) fu aperto dal re Enrico di Boemia, conte del Tirolo e di Gorizia, intorno al 1314. Accanto a questa galleria fu costruito un ampio edificio residenziale (per circa 90 minatori). Tuttavia, è stato gravemente distrutto da una valanga nel 1951. La più antica è la Oberbergstollen (1608 m) e fu scavata nel 1270, presumibilmente contemporaneamente alla Wasserbergstollen (1635 m). Quest'ultimo fu utilizzato solo indirettamente per la produzione di sale, in quanto veniva utilizzato per irrigare le fosse salanti nelle gallerie più profonde. Poiché era molto sicuro, intorno ad esso furono costruiti un edificio residenziale e le stalle per i carrettieri.

Rinfresco nella valle Halltal

Alpengasthaus St. Magdalena

trattoria/osteria

ristorante/malga

+1

Absam
Aperto fino alle 18:00 ora
Pentola-St.-Magdalena-a
Scavi e reperti archeologici a Sankt Magdalena

Come descritto in precedenza, l'edificio agricolo a sud della chiesa di Santa Maddalena è stato restaurato nel 2004. Nel corso di questi lavori, gli archeologi (Sala Archeologica Comunale di Tirolo) hanno trovato un grande focolare e altre strutture. Inoltre, sono state portate alla luce grandi quantità (circa 30.000 frammenti) di ceramica, associate a chiari segni di esposizione al fuoco.

Interpretazione
I reperti suggeriscono un'attività commerciale già prima della nascita di Cristo. La datazione risale al tardo periodo di Hallstatt e al primo periodo di Latène (circa VIII-V secolo a.C.). In base alla situazione generale, questo ritrovamento porta alla conclusione che questi reperti hanno a che fare con la prima produzione di sale, cioè che la salamoia di sorgente è stata insabbiata in questo luogo. Qui si sta riscrivendo la storia! Le saline di Hall sono state menzionate per la prima volta in un documento del 1256 e l'estrazione del sale è iniziata ufficialmente nel 1232. Chissà da quanto tempo si estraeva il sale.

L'immagine mostra una pentola in ceramica per la bollitura del sale, risalente al VI secolo a.C. circa.
Sito di Santa Maddalena in Halltal, foto: Stadtarchäologie Hall i.T.

Escursioni intorno a Sankt Magdalena nella romantica e selvaggia valle Halltal

Issanger

Medio

Hallerangerhaus

Difficile

Der König-Max Stollen

Facile

Parkplatz Halltal, Eingang Alpenpark Karwendel. Im Hintergrund Großer Bettelwurf und Hohe Fürleg (rechts).

Facile

Die Runstboden Runde im Halltal

4,59 km

01:30 h

186 hm

188 hm

916 m

Vacanze. Tutto l'anno

wattenberg-fruehling-tirol-berge-1
Primavera. Vacanze in Tirolo
zirbensee-glungezer-wandern-sommer-1
Estate. Vacanze in Tirolo
herbsturlaub-in-tirol-1
Autunno. Vacanze in Tirolo
skifahren-mit-ausblick-ins-tal-hall-wattens
Inverno. Vacanze in Tirolo