Luogo suggestivo. Il monte Bettelwurf nei massicci del Karwendel

Il Bettelwurf è suggestivo e immediatamente riconoscibile nel mezzo delle montagne del Karwendel: un'icona di calcare e roccia.
È il più grande luogo di potere di tutti, il più potente. E anche il più imponente. Un colosso di pietra, alto oltre 2700 metri. Una delle cime più possenti del Karwendel e una delle più belle: il leggendario Bettelwurf!
La sua bellezza è stata persino riconosciuta: in occasione del suo 150° anniversario, l'azienda di abbigliamento sportivo Mammut ha selezionato le 150 cime più belle del mondo, tra cui il Bettelwurf, accanto a icone della montagna come il Grossglockner e il Wilder Kaiser.

Non che il lancio dell'elemosina conti nei concorsi di bellezza: La sua imponenza è troppo sublime, troppo grandiosa. Sempre un po' avvolto nel mistero. La leggenda dello spirito del Bettelwurf, raccontata da secoli nella regione del Karwendel, si inserisce perfettamente in questo contesto.

All'altezza della galleria dell'acqua potabile, si diparte un sentiero in salita che porta al rifugio Bettelwurf e al Bettelwurf. La salita è ripida, il panorama è mozzafiato, rimane indimenticabile e può creare dipendenza. L'alpinista Carl Gsaller tracciò questo percorso già nel 1881, ma il sentiero fu infine ampliato con la costruzione della Bettelwurfhütte nel 1894 ed è ancora oggi come allora. Il Große Bettelwurf è la quarta vetta più alta del Karwendel dopo la Birkkarspitze, la Ödkarspitze e la Kaltwasserkarspitze, ma la più alta della catena Halltal.

Immergetevi in un luogo di potere davvero sublime!

La centrale elettrica del Bettelwurf nelle montagne del Karwendel in sintesi

  • Halltal e la sua storia
  • Parco naturale del Karwendel
  • La leggenda dello spirito mendicante
  • Capanna del mendicante
  • Banda selvaggia
  • Acqua potabile
  • Servizio navette Halltal
Bettelwurfhütte

rifugio

ristorante/malga

+2

Absam
Aperto 24 ore su 24

Come si arriva alla lettiera dell'elemosina?

Anche al di là di leggende e miti, il Bettelwurf è un luogo speciale la cui potenza si percepisce a ogni passo. Diversi sentieri di montagna impegnativi e una via ferrata conducono alla vetta. Quando ci si trova lassù, ad altezze elevate, con lo sguardo rivolto alla Valle dell'Inn e alla Baviera, ci si rende conto che questo è un luogo di potere allo stato puro.

Nota bene: per questo tour sono indispensabili una buona dose di altezza, passo sicuro ed esperienza alpina!!!

Panoramica
Per arrivare al Bettelwurf ci sono diversi approcci. L'opzione più breve è quella di prendere il taxi-navetta dal parcheggio all'ingresso di Halltal (facilmente raggiungibile anche con i mezzi pubblici) fino alla galleria dell'acqua potabile di Halltal (1000 m), da dove in circa 2,5 ore (1077 m) si raggiunge il rifugio Bettelwurfhütte e poi in 1,5 ore (680 m) su sentieri in parte filodiffusi si arriva in cima.

Dettaglio
Questo tour richiede una buona dose di sicurezza e di altezza! Il punto di partenza è il parcheggio all'ingresso di Halltal ad Absam. Si cammina lungo la strada o a sinistra lungo il sentiero che porta alla galleria dell'acqua potabile. Attraversare il torrente e seguire le indicazioni per "Bettelwurfhütte". La salita sul campo di ghiaia è faticosa, si attraversa a sinistra e si arriva a un sentiero tra i pini di montagna. Dopo un po' si raggiunge la deviazione per il "Bettelwurfhütte" o "Gr Bettelwurf". Se volete fare una sosta o riposarvi, potete camminare direttamente dal rifugio in direzione dell'Eisengattergrat. Si tratta di una salita impegnativa, la cui parte superiore è ben assicurata con cavi al Großer Bettelwurf! Una vittoria in vetta unica! Ritorno attraverso lo stesso percorso. Poiché si tratta di un tour molto lungo, si consiglia di pianificare un pernottamento al rifugio Bettelwurfhütte!
Durata totale: circa 4 ore/ circa 1750 m di dislivello.

Tra la valle Halltal sulla cima del Bettelwurf

Difficile

Sentiero alpinistico

22,53 km

11:10 h

2192 hm

2206 hm

2716 m

La prima salita del Großer Bettelwurf

Rispetto ad altre cime del Karwendel, il Bettelwurf è stato visitato dai turisti urbani relativamente presto, grazie alla sua vicinanza alla Valle dell'Inn. Sebbene la prima ascensione della vetta sia attribuita a Hermann von Barth il 16 giugno 1870, il primo turista conosciutosul Grosser Bettelwurf fu Ludwig Barth zu Barthenau, che fu guidato in vetta da un tiratore scelto intorno al 1855. Nel suo libro "Aus den nördlichen Kalkalpen" (Dalle Alpi calcaree settentrionali), anche Hermann von Barth fa riferimento a questo, ma descrive il suo tentativo di ascesa il 15 giugno 1870 e infine la salita alla vetta un giorno dopo.

Nel settembre 1867, Julius Pock (fondatore dell'associazione alpina "Wilde Bande") e Karl Wechner raggiunsero la vetta al loro secondo tentativo. Il 18 giugno 1878, Carl Gsaller scalò per la prima volta la vetta del Kleiner Bettelwurf, molto più impegnativa, passando per la cresta sud e completando poi con successo la traversata della cresta verso il Großer Bettelwurf.

Hermann von Barth - pioniere del Karwendel
Hermann Freiherr von Barth-Harmating nacque nel castello di Eurasburg nel 18454 e morì a San Paolo di Luanda, in Angola, nel 1876. Studiò inizialmente legge a Monaco. Come praticante legale, dal 1868 iniziò a esplorare le Alpi di Berchtesgaden, ancora in gran parte inesplorate. Dal 1873 studiò scienze naturali. È noto soprattutto come esploratore del Karwendel. In seguito esplorò le montagne del Wetterstein e le Alpi dell'Algovia (vedi Hermann von Barth Hütte). Nel 1876, confuso dalla febbre, si suicidò durante un viaggio di ricerca in Africa!

Durante l'ascesa al Bettelwurf, Barth pernottò nelle case padronali e da lì salì al Lafatscherjoch. Da qui ha attraversato la Hohe Wand attraverso il grande e il piccolo Speckkar fino all'Eisengattergrat. Attraverso le cenge e le cenge dell'Eisengattergrat e infine attraverso la Große Rinne, raggiunse la vetta del Großer Bettelwurf, dove Barth non trovò segni di una salita precedente. Barth cercò un luogo in direzione di Osteck che potesse essere visto da Santa Maddalena e vi eresse un grande cairn. La salita normale di oggi segue essenzialmente il percorso di Hermann von Barth, così come lo ha registrato in uno schizzo del Bettelwurf dal dirimpettaio Hochmahdkopf. Dopo essere tornato alle case padronali, Barth si recò a Santa Maddalena per informare il signorotto Franz Posch, che abitava lì e si occupava della caccia, della riuscita dell'ascensione e per mostrargli con il binocolo il cairn sulla vetta.

Fonte: Club Alpino Sezione di Innsbruck

La Bettelwurfhütte: il rifugio più antico del Karwendel

È un bene che ci sia un luogo di sosta speciale sulla strada per la cima del Bettelwurf: Il rifugio Bettelwurfhütte, a 2077 metri sul livello del mare. Costruito nel 1894, è il rifugio più antico del Karwendel. L'interno è rustico e accogliente e i padroni di casa sono sempre pronti a fare due chiacchiere. È possibile anche pernottare qui. La Bettelwurfhütte si trova su una spalla rocciosa proprio sotto il Kleiner Bettelwurf e, da quando è stata costruita, ha contribuito in modo decisivo al valore dell'area ricreativa della Halltal. Julius Pock, presidente e fondatore della Società Alpina "Wilde Bande", fu uno dei fondatori del rifugio Bettelwurf.

Nel 1892, il Comitato Centrale del Club Alpino offrì la prospettiva di ingenti risorse finanziarie, cosicché la questione prese il via. Il sito previsto si trovava su un piccolo terrazzo sulla cresta meridionale del Kleiner Bettelwurf, a un'altitudine di circa 2.100 metri. Il terreno era di proprietà del K.K. Il terreno era di proprietà della Direzione Imperiale e Reale delle Foreste e dei Domini, che acconsentì alla costruzione di un rifugio nel sito previsto e inizialmente lo affittò alla sezione per un periodo di nove anni. Il percorso diretto alla capanna fu iniziato nel 1892. Inizialmente fu costruito un percorso di circa 2.000 metri, il tratto all'ingresso delle rocce fu fatto saltare e attrezzato con funi metalliche. I lavori proseguirono nel 1893 e il 25 ottobre 1893 il sentiero fu completato fino al luogo previsto per il rifugio. Contemporaneamente, nel 1892/93 fu completata la salita al Großer Bettelwurf.

Il rifugio Bettelwurf stesso fu esposto all'Esposizione Provinciale Tirolese di Innsbruck nel 1893. Dopo la fine dell'esposizione, tutte le parti in legno e ferro utilizzabili e gli arredi furono portati nel capanno di lavoro sul Lafatscherjoch. Nel 1894, tutti i materiali per la costruzione della capanna furono consegnati dal Lafatscherjoch al cantiere. Il rifugio fu costruito dal capomastro Andrä Höß di Mieders. La cerimonia di inaugurazione si tenne l'8 settembre 1894 da Julius Zambra, vicepresidente del consiglio di amministrazione, alla presenza di 79 partecipanti. I locali della capanna erano così suddivisi: al piano terra c'era un soggiorno con cucina e una camera da letto per 6-8 persone, separata da pannelli di pino cembro e utilizzata come dormitorio. Nel sottotetto era stato allestito un deposito di fieno e coperte.

Verso la fine del secolo, il numero di visitatori del rifugio era aumentato a tal punto che le stanze non soddisfacevano più i requisiti. Seguirono ulteriori lavori di ampliamento. Poiché diventava sempre più difficile rifornire il rifugio attraverso il Lafatscherjoch, nel 1966 la filiale di Innsbruck decise di costruire una funivia materiale, che fu ripetutamente rinnovata negli anni successivi.

Nel 1974, in una delle camere doppie esposte a nord del dormitorio, furono installati un bagno con lavatoi e due servizi igienici. Nel 1978, nell'edificio di servizio sopra la vecchia capanna, è stato messo in funzione un generatore di corrente costituito da un motore diesel con annesso generatore per fornire energia alla capanna. Nello stesso anno, sul lato nord della veranda tra la vecchia capanna e il dormitorio è stata aggiunta una dispensa per la conservazione degli alimenti. Un'altra misura strutturale fu lo spostamento dell'ingresso della capanna dal lato delle intemperie al lato est della vecchia capanna. I lavori sono iniziati nel 1980 e sono stati completati un anno dopo. Per il trasferimento dell'ingresso del rifugio è stata costruita un'estensione sul lato a valle del vecchio rifugio, in cui sono stati ricavati un'anticamera con deposito di scarpe e bagagli e un parlatorio per circa 20 persone. Nel 1981 è stato messo in funzione il radiotelefono. Il rifugio è stato così collegato alla rete telefonica pubblica, il che ha facilitato le comunicazioni dei soccorritori alpini in caso di incidenti e la gestione del rifugio. Ora il rifugio dispone anche di una connessione a Internet.

Oggi il rifugio può ospitare 62 persone. Ci sono 34 letti e 28 dormitori con materassi. Sul lato nord si trova un locale di emergenza con cucina e riscaldamento, che offre protezione in caso di emergenza. Gli orari di apertura sono sempre aggiornati sul sito web del Bettelwurfhütte.

Fonte: Alpenverein Innsbruck

Accesso al rifugio Bettelwurfhütte

  • Avvicinamento A: percorso normale 222 dall'ingresso della valle Halltal - Bettelwurfeck - rifugio Bettelwurfhütte
  • AvvicinamentoB: via St. Magdalena - Issanger - Lafatscherjoch - Bettelwurfhütte
  • AvvicinamentoC: via ferrata Absamer con livello di difficoltà A-C
  • Avvicinamento D: Hafelekar - Pfeishütte - Stempeljoch - Lafatscherjoch - Bettelwurfhütte
  • AvvicinamentoE: Scharnitz - Hallerangerhaus - Lafatscherjoch - Bettelwurfhütte



Austieg am Stempeljoch

Difficile

Der Wilde Bande Steig

18,71 km

07:00 h

1953 hm

471 hm

2277 m

Bettelwurfhütte

Difficile

Blick in das Halltal

Difficile

Absamer Klettersteig

2,54 km

03:00 h

1121 hm

100 hm

2105 m

Bettelwurfhütte
67 Valutazione(i)
96/100
Absam

rifugio/capanna

da€ 22,00
a persona / notte

La leggenda dello spirito mendicante

L'origine del nome "Bettelwurf", non ancora chiarita, si spiega con la leggenda del "Bettelwurfgeist". Anche l'artista Absam Karl Obleitner l'ha raffigurato sulle case padronali:

Secondo la leggenda, le monache si trasferirono nell'edificio del monastero di Santa Maddalena molte centinaia di anni fa. Tuttavia, non erano tutte pie e gentili. Un giorno, un povero minatore di sale si presentò alla porta del convento e chiese l'elemosina per il suo gregge di bambini affamati. Scontento, il guardiano gli porse un pezzo di pane duro come la roccia. L'uomo fu preso dalla rabbia e gridò: "Questo mendicante te lo puoi mangiare da solo, avaro!" E con un potente lancio scagliò il pane contro la parete rocciosa. Tuttavia, il pane - sia esso duro o morbido - è un dono di Dio che deve essere maneggiato con cura.

Inorridita dall'offesa, la suora gridò: "Dovrai pagare per questo. Non troverai pace nella tomba. Il tuo spirito dovrà vagare senza sosta in questa valle". E così avvenne. L'uomo non è mai stato visto da allora. Si aggira invisibile tra le pareti rocciose della valle di Halltal. In inverno solleva valanghe di polvere, in estate scioglie colate di fango dalla roccia friabile. Nelle calde giornate di foehn, si può sentire il suo ululato e la sua furia dalle fessure delle rocce. E nelle notti limpide con la luna piena, lo si può vedere cavalcare attraverso i circhi su un camoscio bianco con le corna d'oro.

Ma anche l'avarizia della monaca fu punita. Un terremoto nel 1670 danneggiò gravemente l'edificio del monastero e quasi vent'anni dopo fu completamente distrutto da un altro terremoto. La roccia scoscesa e frastagliata contro la quale il salinaio aveva gettato il pane duro, il "Bettel", fu d'ora in poi chiamata "Bettelwurf".

Secondo varie tradizioni, nel convento di Santa Maddalena si aggirano le anime non redente delle suore che un tempo conducevano una vita impenitente: Il padrone di casa di Santa Maddalena, che morì nel 1905, disse che i fantasmi delle suore continuavano a togliergli il sonno quando si muovevano su e giù per le scale, provavano tutte le porte, sussurravano e rimbombavano, e quando il vento portava i loro canti e i loro suoni d'organo dalla chiesa.

Il Bettelwurfbrünnel: L'acqua potabile della Halltal

Oggi l'approvvigionamento di acqua potabile per Hall e Absam è sicuro. Tuttavia, questo non è stato il caso per molto tempo, poiché gli smottamenti e le valanghe hanno ripetutamente danneggiato i rubinetti originari ai piedi della Bettelwurfreise. Dopo l'emergenza del 31 luglio 1992, quando un'enorme slavina seppellì diverse sorgenti nella valle Halltal, le comunità di Hall e Absam decisero di costruire insieme un nuovo tunnel: il tunnel Margarethen.

Questo tunnel prende il nome dalla madrina del tunnel, Margarete Posch, moglie dell'ex sindaco di Hall, il dottor Josef Posch. Il tunnel Margarethen conduce per quasi un chilometro nel massiccio del Karwendel ed è stato costruito tra il 1995 e il 2002. Dal tunnel sgorgano ogni secondo tra i 250 e i 450 litri di acqua sorgiva limpida e pura. Lo si può vedere di persona al Bettelwurfbrünnel. La preziosa acqua viene filtrata naturalmente dalla montagna per dieci anni.

Il Bettelwurferin: valanghe e colate di fango nella valle di Halltal

Se ci si trova al Bettelwurfeck e si guarda in alto a destra, si può riconoscere il percorso del "Bettelwurferin", una delle più grandi valanghe della Valle di Hall. Questo avvallamento di ghiaia è anche noto e temuto come frana durante i grandi temporali, poiché in diverse occasioni ha causato gravi danni alla strada e all'approvvigionamento di acqua potabile.

La valanga dell'inverno 1999 ha danneggiato gravemente le case padronali alla fine della valle e ora si trova di fronte a un destino indeterminato.

Nonostante la sua breve lunghezza di circa 6 chilometri, la Halltal è una delle valli più notevoli e varie delle Alpi calcaree settentrionali. Le sue peculiarità sono strettamente legate alla complessa struttura rocciosa. Per la sua interessante mescolanza di flora e la ricchezza di specie, la Halltal è da tempo una delle mete preferite dai botanici. A causa della costante lotta contro le forze della natura e le valanghe, molti alberi hanno assunto una forma di crescita unica. In particolare, betulle, faggi e pini hanno sviluppato una forma nana elastica e stentata; non si spezzano, cedono e sopravvivono.

Ovunque nella valle di Halltal troviamo tracce di enormi catastrofi. Una grande faglia ha creato il Bettelwurfreisen e l'orizzonte sorgivo. Valanghe di neve vecchia e nuova cadono così regolarmente dalle lastre di calcare liscio del Wetterstein e dai pendii di ghiaia tra il Lafatscherjoch e il Bettelwurf che hanno nomi speciali, come il Plattnerin o il Bettelwurferin, che hanno così spesso seppellito il torrente e la strada. Per questo motivo è stata creata la cosiddetta "Fluchtsteig" (via di fuga), che ha permesso ai minatori della miniera di sale dell'epoca di salire e scendere in relativa sicurezza. Nei pochi pendii e valli sicuri per le valanghe, tuttavia, si trovano spesso solo piccoli ma interessanti resti di foresta naturale. Uno di questi si trova direttamente all'ingresso del Bettelwurf, presso la 2ª Ladhütte: qui si trova un vecchio bosco misto quasi naturale, dominato da faggi con una rigogliosa ricrescita di faggi, aceri, abeti, abeti rossi, Eigen e molte specie arbustive.

Ci sono state tramandate innumerevoli notizie di incidenti da valanga, gravi disastri meteorologici con vittime e danni a ponti, sentieri, edifici e impianti minerari.
Nel 1518, l'imperatore Massimiliano fu messo in pericolo di vita da una valanga sul Wildanger e si dice che si sia salvato solo grazie alla velocità del suo cavallo. Presso la fontana del Bettelwurfbrunnen sono incise nella roccia 5 croci con le iniziali dei minatori morti in un incidente nel 1565.

Una delle cime più belle del mondo

In occasione del suo 150° compleanno, l'azienda di abbigliamento sportivo Mammut ha scelto le 150 cime più belle del mondo. L'azienda di sport di montagna ha anche ideato un vero e proprio progetto Mammut: Nel 2012, anno del suo 150° compleanno, circa 1400 alpinisti in 40 Paesi scaleranno le 150 montagne più belle del mondo, tra cui spettacolari 8000 metri come l'Everest.

Anche un'imponente vetta della regione di Hall-Wattens è inclusa in questo elenco delle montagne più belle: Il nostro luogo di potere, il Große Bettelwurf nel Karwendel, è una delle montagne più belle del mondo.

Le cime vincenti sono state scalate da squadre selezionate nell'ambito dei festeggiamenti per il compleanno mondiale: Il programma prevedeva la salita del Grosser Bettelwurf nel Karwendel, della Wildspitze nelle Alpi Venoste, del Kellerjoch nelle Alpi di Tux, del Wilder Kaiser nelle Alpi calcaree settentrionali tra Kufstein e St. Johann in Tirolo, il Serles nelle Alpi dello Stubai, il Similaun sullo Schnalskamm al confine con l'Alto Adige, il Große Ochsenwand nelle colline calcaree dello Schlick, il Weißkugel ghiacciato nelle Alpi Venoste, lo Zugspitze nelle montagne del Wetterstein e l'Hochvogel e il Mädelegabel, al confine con la Baviera. È stata inclusa anche la montagna più alta dell'Austria, il Grossglockner con i suoi 3798 metri al confine tra Tirolo Orientale e Carinzia.

Quali linee guida ha utilizzato la giuria di esperti per decidere le 150 cime più belle del mondo?

Un concorso di bellezza per le montagne dipende anche dalle dimensioni? Sì, perché una montagna affermata ha bisogno di un'altezza minima, altrimenti sarebbe solo una collina. Ma ciò che è decisivo è l'esperienza complessiva che offre. Dalla valle si riconoscono la sua forma e la sua composizione, la salita più o meno impegnativa ne rivela il carattere, l'ospitalità dei rifugi quando ci si ferma a mangiare un boccone e la vista in cima.

Molti escursionisti e alpinisti del Karwendel hanno da tempo giurato sull'inconfondibile esperienza complessiva delle escursioni al Kleiner e al Großer Bettelwurf e hanno da tempo portato nel cuore queste cime suggestive.

familie-wandern-walderalm-moritz-klee-hall-wattens
Escursioni. Nel Parco Naturale Karwendel
Chiunque visiti il Parco Naturale del Karwendel riconoscerà immediatamente il motivo per cui si sente a casa propria. Offre numerosi tour ed escursioni, da quelli più facili a quelli più impegnativi, dalle escursioni circolari alle brevi passeggiate su romantici sentieri. Anche chi vuole semplicemente fare una pausa in questo gioiello naturale avrà pane per i suoi denti.
Per saperne di più

Vacanze. Tutto l'anno

wattenberg-fruehling-tirol-berge-1
Primavera. Vacanze in Tirolo
zirbensee-glungezer-wandern-sommer-1
Estate. Vacanze in Tirolo
herbsturlaub-in-tirol-1
Autunno. Vacanze in Tirolo
skifahren-mit-ausblick-ins-tal-hall-wattens
Inverno. Vacanze in Tirolo