EstateInverno
Menu

Wattenberg

1.050 m s.l.m.; 701 abitanti

A più di 1000 metri di altitudine, in una posizione panoramica superba sulla valle dell’Inn, sono situate le cascine e le case che formano il grazioso paesino di Wattenberg. Originariamente Wattenberg era una località di malghe e con il sorgere dell’industria mineraria diventò un insediamento fisso. Fino al XVII secolo i minatori nella Wattenberger Mölstal cercavano ferro e rame. Quando poi la "benedizione della montagna" lentamente si esaurì, l’agricoltura ritornò in primo piano. E ancora oggi si vede: diversi cascinali di vecchia data, che nel corso degli ultimi anni sono stati risanati con amore e nel rispetto dello stile originario, creano a Wattenberg un’atmosfera di vacanza del tutto particolare.
Tante piccole cappelle invitano a soffermarsi e riflettere - a Wattenberg infatti non ci sono chiese perché questa zona non fa parrocchia a sé. Che questo paesaggio così unico attiri come per magia gli escursionisti è naturale. Noti sentieri a lunga distanza come il "Sentiero dei sogni da Monaco a Venezia" oppure il nuovo sentiero principale del Tirolo, il "Sentiero dell’Aquila" conducono attraverso l’idilliaca Wattental fino al rifugio Lizumer Hütte. Le montagne attorno a questo rifugio sono molto amate dagli abitanti del posto e meritano una vacanza anche in inverno: i molti itinerari con vari gradi di difficoltà fanno palpitare il cuore di ogni sciatore escursionista.

Escursionisti, alpinisti, amanti del mountain bike e dei tour trovano nella Wattental una fonte pressoché inesauribile di possibilità per godere la natura fino a 2300 metri di altitudine. Il noto sentiero a lunga distanza "Sentiero dei sogni da Monaco a Venezia", che passa per le Alpi a piedi, e il Sentiero dell’Aquila attraverso la meravigliosa ed intatta Wattental fino al rifugio Lizumer Hütte (2019 m s.l.m).

Ufficio Turistico della Regione Hall-Wattens
Wallpachgasse 5
6060 Hall in Tirol
Tel.: +43 (0)5223 - 45544
Fax: +43 (0)5223 - 45544-20

office@hall-wattens.at

Informazioni utili e interessanti su Wattenberg