EstateInverno
Menu

La scoperta della miniera di salgemma di Hall

Secondo un’antica tradizione orale, la famosa miniera di salgemma della Halltal, in funzione fino al 1967, fu scoperta nel 1275 dal cavaliere Nikolaus von Rohrbach in un modo molto particolare. Il cavaliere si esercitava nell’arte venatoria sulle montagne della Halltal e durante una sosta iniziò a conversare con i suoi cacciatori. Essi raccontarono al loro signore che, sin dai tempi antichi, su una roccia era stata osservata della selvaggina, soprattutto cervi, che leccava con avidità le pietre. Doveva esserci qualcosa di particolare su questa roccia, perché nella Halltal la selvaggina prospera da sempre particolarmente bene, come se ricevesse sale da mangiucchiare.

Il cavaliere tese l’orecchio, osservò ripetutamente la selvaggina sulla roccia, si recò lui stesso in quel punto, toccò il sasso con la lingua ed ebbe modo così di riconoscere che era ricca di sale. L’idea del cavaliere che negli abissi della montagna dovesse esserci un salgemma ancora migliore che sulla superficie si rivelò vera, sicché ben presto venne aperta la miniera di sale di Hall. Fu così che per molti secoli il salgemma di Hall fornì il condimento utile e indispensabile.

Si narra che ...